CONFESERCENTI LA SPEZIA SU EMERGENZA ECONOMICA

confesercentiUncategorized

La seconda emergenza sanitaria sta colpendo economicamente molte aziende oltre quelle su cui gravano i provvedimenti di restrizione. Troppe attività rischiano la chiusura, secondo nostre stime circa 130mila imprese su scala nazionale. La chiusura di ristorazione e dei bar – oltre a mettere a terra il settore – sta facendo sentire i suoi effetti su tutti gli altri consumi, portando a un crollo generalizzato degli incassi anche nel commercio per questo è necessario un sostegno più ampio alle  imprese.

Le imprese dall’inizio dell’emergenza COVID,  hanno sempre mostrato la massima disponibilità a collaborare per arginare il nemico comune, avanzando una sola richiesta: che a fronte di nuove chiusure, ci fossero interventi di sostegno certi, sicuri e condivisi.

Confesercenti, riconoscendo gli sforzi fatti dal governo, ritiene insufficienti le misure adottate fino ad oggi. Troppi settori sono esclusi dal DL Ristori, per questo abbiamo chiesto fin da subito un tavolo di monitoraggio nazionale  per individuare le imprese realmente in difficoltà a prescindere da codice Ateco.

Come Confesercenti  pensiamo sia necessario prevedere l’estensione dell’esonero dal versamento Tosap/Cosap per tutto il 2021. Si rende inoltre necessario un intervento mirato del governo per consentire ai Comuni l’esonero dal versamento Tari almeno per i mesi di novembre e dicembre 2020.

In questa difficile fase è sempre più necessario evitare il rincorrersi di provvedimenti, ma è fondamentale dare certezza e prospettive chiare sul futuro alle attività economiche.

Riteniamo per cui opportuno prevedere fin da subito misure relative al credito agevolato e sgravi contributivi per le attività produttive più in difficoltà in questa seconda fase Covid.

Occorre anche prevedere sostegno per la categoria degli agenti e rappresentanti di commercio e del commercio all’ingrosso del settore Hotel, Restaurant, Catering, e gli agenti e rappresentanti di commercio del Settore Turismo. Il commercio, le attività produttive saranno l’asse portante per la ripresa del paese finita questa emergenza, per questo oggi è più che mai fondamentale sostenerle ed essere al loro fianco.