Fiesa: “A tavola nascono nuovi eroi” – una Campagna di comunicazione per rilanciare il consumo di uova e carne di coniglio

confesercentiCommercio, Confesercenti

Rilanciare il consumo di uova e carne di coniglio, prodotti importanti per un’alimentazione sana ed equilibrata. Nasce con questo obiettivo “A tavola nascono nuovi eroi”, la Campagna di comunicazione promossa dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e realizzata in collaborazione con l’ISMEA – Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare e supportata da Fiesa  Confesercenti (Federazione Italiana Esercenti specialisti dell’Alimentazione).

Il progetto

 “A tavola nascono nuovi eroi” è l’ultima campagna promozionale ideata e voluta dal Mipaf per reintegrare la carne di coniglio e le uova nella dieta quotidiana, a fronte dei recenti cambiamenti delle abitudini alimentari molto spesso frutto di un’informazione non sempre corretta o quantomeno approssimativa.

I continui allarmismi, infatti, legati alla filiera di produzione delle uova hanno posto gli operatori del settore nella condizione di dover affrontare momenti di crisi e cali delle vendite notevoli, compresi tutti quegli avicoltori e cunicoltori italiani che lavorano rispettando i disciplinari di qualità molto scrupolosi, nel pieno rispetto dell’ambiente, degli animali e della salute dei consumatori.

I consumi

Il consumo italiano pro-capite di uova, infatti, è pari a 12,6 kg, contro gli oltre 14 kg nella UE. I numeri del settore parlano, per le uova, di una produzione agricola italiana che ammonta a 850.000 tonnellate, pari ad un valore di 1,2 miliardi di euro. Il fatturato dalle vendite del prodotto finito (confezionato o sgusciato) è pari a 1,5 miliardi di euro. La produzione è assicurata da oltre 42 milioni di galline, presenti in 3.400 allevamenti, di cui circa 1000 con capacità superiore a 1000 capi. Delle uova vendute il 33% proviene da allevamenti a terra e il trend di crescita di questo segmento rispetto al 2012 è del 47%.
Per quanto riguarda la carne di coniglio, l’Italia è il secondo produttore e consumatore mondiale (dopo la Cina). Anche qui la necessità di un rilancio dei consumi è testimoniata dal calo costante negli ultimi anni (-12% nei primi 9 mesi del 2017). Attualmente la produzione di carne di coniglio in Italia raggiunge le 55.000 tonnellate, con un consumo che ora sembra essersi stabilizzato intorno a 1 kg pro-capite. Il settore gode di una sostanziale autosufficienza produttiva, e la coniglicoltura italiana si caratterizza, rispetto a quella europea, anche per l’efficienza produttiva espressa sia in termini di produttività del lavoro che di incidenza del costo dell’alimentazione sul costo totale di produzione.

L’importanza delle giuste informazioni

In ultima analisi, occorre sgombrare il campo sia da un’informazione non corretta, sia da falsi convincimenti: un esempio per tutti è dato dalla cattiva reputazione che si è venuta creando intorno alle uova perché contengono molto colesterolo. Andrebbe detto invece che le uova sono uno degli alimenti più nutrienti sulla terra e che un giusto consumo settimanale di uova non solo non crea rischi per la salute ma può migliorare i livelli di colesterolo, aumentando quello buono e diminuendo quello cattivo.
“In collaborazione con l’ISMEA abbiamo dato vita ad un piano di comunicazione in grado di poter parlare in maniera semplice e diretta ai consumatori allo scopo di contrastare i pregiudizi ed informarli correttamente su qualità e valori nutrizionali delle uova e delle carni di coniglio – sottolinea Luca Bianchi, Capo Dipartimento delle Politiche Competitive, della Qualità Agroalimentare del MiPAAF -. Un’occasione davvero preziosa al fine di sensibilizzare il nostro Paese ad un consumo maggiore di questi prodotti che rappresentano una risorsa alimentare importante nel panorama agro-zootecnico italiano. La valenza del settore cunicolo è sostenuta non solo dal ruolo primario che riveste a livello nazionale ma anche comunitario e globale, essendo l’Italia il secondo produttore mondiale dopo la Cina”.

La campagna: a tavola nascono nuovi eroi

La Campagna, che utilizza una chiave ironica e uno stile dinamico e positivo, sarà veicolata attraverso spot radio e TV, due siti web, l’apertura di canali social e un’intensa Campagna con banner su siti di food blogger. Sono previste inoltre attività di informazione nei mercati rionali e la distribuzione in 800 punti vendita di materiale informativo tra cui un ricettario con 10 originalissimi piatti facili da proporre in ogni circostanza, in modo da rinnovare l’immagine di questi prodotti e renderli sempre più accattivanti anche per il target più giovane. Tutto questo sarà possibile grazie anche alla collaborazione di Asso Macellai e Fiesa Confesercenti che hanno aderito al progetto, presentata lo scorso 20 novembre al ristorante Hostaria Luce di Roma, che hanno messo a disposizione 16 sedi territoriali a livello nazionale per contribuire a veicolare la corretta informazione  su qualità e valori nutrizionali delle uova e delle carni di coniglio nella nostra alimentazione quotidiana.

Il contributo di Fiesa

Gian Paolo Angelotti, Presidente Nazionale Fiesa evidenzia come “L’allevamento del coniglio rappresenta  una delle tradizione più consolidate del nostro Paese, con un forte presenza di allevamenti familiari che nel passato hanno spesso soddisfatto il fabbisogno alimentare in molte realtà rurali”. “Obiettivo della campagna – continua Angelotti – è quello di sensibilizzare i consumatori sull’alto contenuto nutrizionale e salutistico della carne dando loro le informazioni  sulla corretta alimentazione che, nel quadro generale di uno stile di vita sano ed equilibrato, è alla base della prevenzione di un gran numero di patologie”

“A causa degli attuali stili di vita – conclude il Presidente Angelotti – molti piccoli allevamenti, che erano destinati al consumo casalingo, sono scomparsi e ciò ha determinato un impoverimento per le nostre tradizioni gastronomiche poichè questi allevamenti rappresentavano un presidio di tradizioni regionali e di ricette che venivano trasmesse di generazione in generazione. Per non perdere traccia di queste memorie culiniarie sono stati realizzati due siti dedicati al corretto consumo degli alimenti in oggetto https://super-uovo.it e https://super-coniglio.it in cui è possibile, anche, recuperare e sperimentare queste ricette gelosamente conservate che rappresentanoun patrimonio all’interno del panorama agro-alimentare italiano”.